Diciotto disegni di Walter Resentera appena restaurati in mostra a palazzo Donghi Ponti a Padova

Diciotto disegni dell’artista feltrino Walter Resentera (Seren del Grappa 1907- Schio 1995) saranno esposti sabato 1° ottobre prossimo nella storica sede della Cassa di Risparmio del Veneto in Palazzo Donghi Ponti a Padova. In occasione dell’edizione 2016 della manifestazione Invito a Palazzo, promossa annualmente dall’ABI, la Cassa di Risparmio del Veneto propone infatti la mostra Correvano gli anni ‘20/’40. Manifesti, disegni, pubblicazioni che ripercorrono il periodo storico fra le due guerre. La rassegna riguarda documenti, foto, disegni di personaggi veneti che nel periodo di avvio dell’operatività della Banca nel nuovo Palazzo Donghi (1920) si sono distinti per la loro opera artistica e industriale. Le creazioni di Walter Resentera si potranno ammirare nel salone a piano terra, mentre la vicenda imprenditoriale della famiglia di industriali Laverda sarà raccontata nella sala delle Maschere al primo piano.
I 18 bozzetti di Resentera sono preparatori di alcuni tra i più elaborati cicli pittorici murali ideati e realizzati dall’artista nel corso della sua carriera: Le Leggende dei Monti Pallidi nel giardino d’inverno della Birreria Pedavena e la volta della Centrale idroelettrica di Soverzene.
Essi fanno parte del Fondo Walter Resentera, donato dal nipote dell’artista Giampaolo Resentera alla Galleria d’arte moderna “Carlo Rizzarda”, che include 831 disegni, 16 manifesti, numerose riviste, articoli, copertine e ritagli, un Ritratto di Ottavio Steffenini, un busto in gesso dello scultore feltrino Primo Cecchet, più di 200 volumi, fotografie e documenti vari che ne documentano gli aspetti biografici, le relazioni e l’attività.
Gli schizzi che evidenziano la straordinaria abilità disegnativa del pittore-illustratore sono stati appena restaurati, assieme a 5 significativi manifesti, dal Comune di Feltre con il contributo della Cassa di Risparmio del Veneto.
Lo stesso progetto prevede il restauro di ulteriori 7 affiches in precarie condizioni conservative che saranno recuperate a breve.