Conferenza “Da Venezia a Feltre tra arredi e sculture, virtuosismo e fantasia durante la Belle Époque”

Il prossimo appuntamento del ciclo Conversazioni in museo, che si terrà sabato 19 marzo 2016  alle 17.00, nella Galleria d’arte moderna “Carlo Rizzarda”, tratterà del vivace ed intraprendente mondo degli atelier veneziani che tra fine ‘800 e inizio del ‘900 progettavano e realizzavano raffinata mobilia, sculture e supellettili di pregio. La conferenza Da Venezia a Feltre tra arredi e sculture, virtuosismo e fantasia durante la Belle Époque sarà tenuta a due voci da Alice Martignon e Andrea Massimo Basana. La prima, mestrina, ha conseguito nel 2015 il dottorato di ricerca con una tesi su Michelangelo Guggenheim (1837-1914) e il mercato di opere, di oggetti d’arte e d’antichità a Venezia fra medio Ottocento e primo Novecento e  si occupa in particolare di temi e problemi di storia delle arti decorative e del costume, di mercato artistico e collezionismo otto-novecenteschi. Basana, veneziano, laureato in storia dell’arte contemporanea con una tesi su Il mobile a Venezia dalla Belle Époque al 1950: le originali creazioni della ditta Fratelli Testolini ed il mobile del ‘900, ha collaborato con l’intagliatore ed antiquario Emilio Piacentini e con l’antiquario e restauratore Carlo Rossi che ne hanno ampliato la formazione.
Nel corso dell’incontro saranno trattate alcune delle figure di spicco dell’ambiente veneziano: dal poliedrico Moisè Michelangelo Guggenheim (Venezia 1837-1914), antiquario, mercante d’arte, collezionista, imprenditore e progettista di allestimenti e oggetti d’arte decorativa al famoso scultore Valentino Panciera Besarel (Astragal di Zoldo 1829-Venezia 1902), divenuto fornitore ufficiale di arredi per le maggiori dinastie regnanti d’Europa. Saranno affrontate anche figure meno note come gli artefici attivi in laguna Marco Dal Tedesco, Giuseppe Rossi e Antonio Flaibani, nonché Giovanni Battista De Lotto (San Vito di Cadore 1841-1924), che collaborò per un ventennio con Valentino Panciera Besarel per poi mettersi in proprio. Ci si soffermerà inoltre su vicende imprenditoriali interessanti come quella della ditta Fratelli Testolini, dalla produzione assai variegata che comprendeva tutti i settori delle arti applicate legate alla casa e alla persona con particolare riguardo alla produzione di mobilia scolpita, dal neo-barocco all’art nouveau, fino allo stile marino definito dal pubblico britannico “a grotta”. I relatori effettueranno costanti riferimenti al contenuto dei Musei civici e, per maestranze e  commissioni, emergeranno inaspettati collegamenti tra Venezia e l’ambiente feltrino.    
L’ingresso alla conferenza è libero fino alla concorrenza dei posti disponibili. Informazioni e prenotazioni: Ufficio Musei (tel. 0439/885242, museo@comune.feltre.bl.it), www.comune.feltre.bl.it