slide immagine slide immagine slide immagine

Inaugurazione del Punto Informativo sulla Grande Guerra a Prà del Moro

ARTSabato 26 gennaio sarà inaugurato il Punto Informativo sulla Grande Guerra a Prà del Moro.

Il taglio del nastro, che si terrà alle ore 10.00 con i saluti del Sindaco, Paolo Perenzin, dell’Assessore all’Ambiente e ai Beni Comuni, Valter Bonan e con l’illustrazione dei contenuti tecnici da parte dei referenti dell’iniziativa, segue la presentazione del Progetto generale, svoltasi a Cavaso il 4 novembre scorso. Si tratta del primo sistema integrato di accoglienza e informazione turistica del Massiccio del Grappa, per valorizzare le testimonianze storiche coltivando la memoria come invito alla pace e alla tutela del paesaggio. Undici le Amministrazioni impegnate in interventi di riqualificazione nei siti storici della Grande Guerra, con l’Unione Montana Valbrenta come capofila, hanno dato vita ad un sistema integrato di valorizzazione, con il coordinamento delle IPA (Intese programmatiche d’area) e il contributo della Regione del Veneto.

A partire dalle testimonianze storiche il progetto invita alla scoperta del territorio, tra cultura, sport e ambiente, utilizzando strumenti integrati: allestimenti architettonici, segnaletica e pannelli, strumenti multimediali (totem, un portale web), comunicazione coordinata (logo, immagine e piano editoriale), che fanno sintesi di una idea condivisa di territorio e diventano elementi di congiunzione e riconoscimento, tanto per le Amministrazioni quanto per cittadini e visitatori. Un esito significativo, in un territorio diviso in tre province e connotato da una diffusa articolazione amministrativa, che fa seguito all’accordo per la valorizzazione coordinata del Massiccio, siglato dalle IPA Terre di Asolo e Monte Grappa (TV), Prealpi Bellunesi (BL) e Pedemontana del Brenta (VI). La progettazione del sistema è anch’essa frutto di un lavoro di squadra tra imprese e professionisti incaricati, che ha coinvolto figure e competenze diverse per arrivare a costruire una proposta inedita, una infrastruttura materiale e immateriale per la valorizzazione del territorio.

L’inaugurazione prevede alcune iniziative correlate. Venerdì 25 gennaio alle 20.30 nel Teatro del La Sena si terrà Guerre nella Guerra: quadri di una esposizione, riflessioni critiche sulla Prima Guerra mondiale a cura di Enrico Maria Massucci con intermezzi letterari (letture di Silvana Vignaga e Daniele Gazzi), suoni e immagini. L’incontro è ad ingresso libero, ma è obbligatoria la prenotazione sul sito: www.visitfeltre.info/eventi/teatro-appuntamenti.

Sabato 26 gennaio, a Prà del Moro, subito dopo la cerimonia di inaugurazione, partirà la visita guidata sulla Grande Guerra nel Centro cittadino a cura di Isabella Pilo I luoghi della memoria, un’opportunità per percorrere le vie cittadine prestando attenzione alle tracce della Grande Guerra.

Alle 15.00 al Fondaco delle Biade sarà inaugurata la mostra di pittura di Silvia Battisti Arte per non dimenticare. L’esposizione che, attraverso una ventina di opere astratte di forte impatto emotivo, evoca l’orrore della Guerra e l’enorme numero di vittime che essa ha arrecato, resterà aperta e visitabile tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00 fino a sabato 9 febbraio. Per info: Ufficio musei tel. 0439/885242-215.


Recital pianistico di Massimiliano Grotto con il trombonista Nicola Damin per il terzo appuntamento della rassegna “Gli ultimi romantici”

Il terzo concerto della rassegna Gli Ultimi Romantici, che si terrà sabato 13 ottobre prossimo alle ore 21.00 a Palazzo Borgasio, avrà come protagonisti i solisti Nicola Damin (trombone) e Massimiliano Grotto (pianoforte). Continua a leggere

Concerto degli Alto Contralto Trio per la rassegna “Gli ultimi romantici”

Domenica 14 Ottobre, alle 18.00, a Palazzo Borgasio si terrà un nuovo concerto per la rassegna Gli ultimi romantici. Il gruppo Alto Contralto Trio composto da Eugenia Zuin (contralto), Giulio Baraldi (viola e viola d’ Amore) e Cristiano Zanellato (pianoforte) eseguirà musiche di Johannes Brahms e Frank Bridge.
In francese la viola è ancora indicata come “alto”, abbreviazione di “alto de violon”, cioè contralto del violino. È pertanto naturale pensare all’abbinamento tra la voce di contralto degli archi (la viola, appunto) e la voce umana di contralto, che tra le voci femminili è quella che ricopre il registro più grave. Esiste un repertorio cameristico di non frequente esecuzione, che consiste in Lieder, songs, chansons appositamente composti in periodo romantico e tardoromantico per una formazione con contralto o mezzosoprano, viola e pianoforte, che spazia da Brahms Op. 91 a brani di autori meno conosciuti vissuti a cavallo tra Otto e Novecento quali Bridge, Loeffler, Marx, Dale, che hanno messo in musica celebri testi di poeti tedeschi o inglesi. Continua a leggere

Una nuova edizione della rassegna musicale “Gli ultimi romantici” a Palazzo Borgasio, nella Galleria Rizzarda e al Tetro de la Sena

L’Ensemble BlaueReiter, compagine orchestrale formata da studenti e giovani diplomati nei Conservatori del Veneto riproporrà a Feltre una rassegna di 8 concerti, legati dal filo conduttore della musica romantica e tardo romantica, che si terranno nel mese di ottobre e dal titolo “Gli ultimi romantici”, in continuità con l’apprezzata proposta già effettuata lo scorso anno. La rassegna, con la direzione artistica di Daniele Bertoldin, prevede il susseguirsi di 7 formazioni da camera (un quartetto, un quintetto e un sestetto d’archi, due trii con pianoforte e un duo), vincitrici di Concorsi Nazionali e Internazionali e un’orchestra da camera. Continua a leggere

Inaugurazione del graffito in omaggio a Walter Resentera sulla cabina ENEL di via Canture a Mugnai

Venerdì 28 settembre prossimo, alle ore 10.00, sarà inaugurato ufficialmente a Mugnai il dipinto donato al Comune di Feltre dall’Associazione Culturale per l’Affresco APS – Scuola Internazionale per la Tecnica dell’Affresco – SITA nel centenario della nascita di Walter Resentera e come appendice alla mostra Walter Resentera. Le figure sui muri tenutasi in Galleria Rizzarda dal 29 dicembre 2017 al 17 giugno 2018.
Interverranno il Vicesindaco, Alessandro Dal Bianco, l’Assessore alla Gestione del Territorio e ai Rapporti con le Frazioni, Adis Zatta, l’antropologa Daniela Perco, il Responsabile E-Distribuzione Zona di Belluno, Maurizio Iulita, il Presidente dell’Associazione Culturale per l’Affresco APS, Tiziano Sartor, il maestro Vico Calabrò e gli artisti che hanno realizzato l’opera, Laura Ballis e Giovanni Sogne. Continua a leggere